Morfologia


Il territorio angolano corrisponde sostanzialmente alla sezione nord-occidentale dei grandi altopiani dell'Africa meridionale; la struttura geologica è quella tipica del sub-continente, tabulare, rigida, senza corrugamenti. I rilievi dell'Angola, infatti, sono essenzialmente dovuti a dislocazioni verticali lungo il bordo atlantico; essi raggiungono la maggior altezza (Serra Moco, 2620 m) proprio in corrispondenza dell'orlatura occidentale, digradando debolmente (l'altitudine media è di circa 1000 m) all'interno verso i bacini depressionari della Rep. Dem. del Congo, nell'Alto Zambesi e nel Kalahari. Nel lato opposto essi scendono alla costa con una scarpata rocciosa che lascia posto solo a limitate pianure litoranee, le sezioni più elevate sono costituite da rocce cristalline e metamorfiche (quarziti, ecc.); verso l'interno, allo zoccolo precambriano si sovrappongono sedimenti continentali paleozoici (del tipo Karroo), mesozoici e cenozoici.

Idrografia


L'Angola ha il suo vertice nell'altopiano del Biè, da cui traggono origine i maggiori fiumi del paese, che svolgono il loro corso su tre versanti principali: il primo è quello che fa parte del bacino del Congo (fiumi Cuango e Cassai); il secondo è quello che tende verso le depressioni endoreiche del Kalahari (Cubango- Okavango) e l'Alto Zambesi (Cuando); il terzo è quello rivolto all'Atlantico (Cunene, Kwanza).

Su questo lato i fiumi hanno un corso veloce, interrotto da salti, come quello che dà origine alle belle cascate Calandula (già Duque de Braganza) sul Lucala, un affluente di destra del Kwanza.

Clima


La sezione settentrionale, che fa parte del bacino congolese, presenta piovosità abbastanza elevate (1000 mm annui e oltre) e un regime stagionale relativamente poco differenziato. Il clima tropicale a due stagioni interessa, si può dire, tutto l'altopiano ed è caratterizzato da un'estate calda e piovosa e da un inverno freddo e secco.

Le precipitazioni aumentano col procedere dalla costa (300 mm annui) all'interno, dove sui rilievi più elevati si raggiungono anche i 2000 mm. In linea di massima il clima diviene più arido col procedere verso sud dove l'ambiente prelude al deserto del Kalahari.

Le temperature risentono dell'altitudine e nell'interno degli effetti della continentalità, mentre sui litorali meridionali prevale l'influsso della corrente fredda del Benguela, che è anche causa non secondaria della spiccata aridità locale.